“Un fico secco vale…”, la nuova sfida della Fondazione Giambattista Vico

Al via un gruppo di lavoro per la valorizzazione del fico del Cilento

Apri pagina Articolo

La Fondazione Giambattista Vico continua il suo impegno per la crescita e per la tutela del territorio. L’occasione si presenta grazie alla Regione Campania e al PSR 14-20 con la Misura 16.1 che prevede la costituzione e il funzionamento di Gruppi Operativi atti a sviluppare un POI, Progetto Operativo di Innovazione.

Il presidente della Fondazione, il professor Vincenzo Pepe, lancia l’idea per il rilancio della filiera relativa al fico del Cilento. A lui va riconosciuto il merito di promuovere questa sfida e di mettere al centro la Fondazione di un processo che diventerà un modello virtuoso e traino per lo sviluppo locale, anche colmando i vuoti della politica. «Una nuova sfida sulla nostra strada – le parole del professor Pepe – una sfida che ci impegnerà molto essendo noi motivati per continuare il progetto di sviluppo e tutela del Cilento»

All’appello risponde Claudio Aprea, direttore della Fondazione ed europrogettista, quindi tra i più accreditati a formulare una proposta valida da sottoporre alla Regione. Ed è proprio quest’ultimo che, in ottemperanza alla richiesta del presidente, ha già dettato una linea di programma dalla doppia valenza: innovativa e vicina alla tradizione.

«Il gruppo di lavoro – spiega il dott. Aprea – baserà le ricerche sulla rigenerazione della filiera legata al fico bianco del Cilento che ad oggi risulta essere una filiera negata in quanto, seppur spesso evocata – continua – seppure spesso intrisa di tradizioni e identità, non è riuscita ad oggi ad incidere in maniera significativa sull’economia del territorio. Il G.O. avvierà una serie di percorsi di studio volti ad innovare i processi colturali e culturali del fico, fermando l’attenzione sul valore economico massimo di questo frutto. Esso consiste nel proporlo al mercato dopo un processo di essicazione. Tale processo – prosegue il direttore – dovrà essere il più possibile aderente alla tradizione ma dovrà soddisfare la logica del tempo, della qualità, dell’igiene e della convenienza dal punto di vista economico ed ambientale». Infine Aprea traccia un segno importante svelando la sua idea che ha del rivoluzionario: «Gli studi che porteremo avanti – dice – saranno tesi a ribaltare il detto negativo “non vale un fico secco” e riuscire a dimostrare che “un fico secco vale…”».

La proposta è già stata esposta sabato 26 a Palazzo De Vargas, sede della Fondazione, ed è stata accolta con favore dal tavolo di partenariato composto da Enzo Tropiano, direttore Coldiretti di Salerno, e dai principali produttori di fichi del territorio, come Raffaele D’Angiolillo. Tra i partner istituzionali figura già il comune di Giungano, presente al primo tavolo tecnico nella figura dell’assessore al turismo Franco Russomando. «C’è assoluta necessità di far sì che i valori esposti – dice Tropiano – diventino indicatori economici di un rilancio agricolo nel comparto di nicchia delle produzioni tipiche». D’accordo anche D’Angiolillo: «Non possiamo vedere mortificato dal mercato il fico del Cilento – dichiara – l’esempio della biodiversità cilentana subisce la concorrenza sleale di prodotti che non hanno la stessa qualità, la stessa storia e le stesse caratteristiche. Il nodo centrale della questione riguarda il processo di essiccazione su cui è in corso un dibattito sulla stesura del disciplinare del Fico del Cilento dop», associazione di cui D’Angiolillo è già presidente.

«Il Comune di Giungano ha già avviato una serie di percorsi in tal senso – dice Russomando – dando vita alla Festa dei Fichi bianchi che rappresenta un brand fondamentale per il prodotto territorio».

Sarà presto definito il partenariato che prevederà altre istituzioni e altri comuni che di sicuro aderiranno nel breve termine.

Il percorso ha preso il via nella serata di sabato 5 agosto presso il palazzo vichiano alla presenza del presidente del GAL Cilento Regeneratio, Carmine D’Alessandro, della coordinatrice, Nicoletta Serra, e del direttore del FLAG Cilento Mare Blu, Claudio Aprea. Padroni di casa, i rappresentanti della Fondaziobne Vico.

Addetto Stampa
Fondazione G.B. Vico
Arturo Calabrese
333/1059730
arturocalabrese89@gmail.com

 

Bando per la selezione di 26.304 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale in Italia e all’estero.

Presidenza del Consiglio dei Ministri

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Ufficio per il servizio civile nazionale

Bando per la selezione di 26.304

volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale in Italia e all’estero.

Durata Bando:

dal 22 agosto 2017 al 30 settembre 2017

Codice Ente : NZ05823

Numero posti messi a Bando: 6

Indirizzo PEC: fondazionegbvico@pec.it

Indirizzo a cui inviare le domande:

Fondazione Giambattista Vico Onlus

Palazzo de Vargas, 1

84070 Vatolla (SA)

 

LEGGI IL BANDO

“ Il turismo di ritorno osservato attraverso il mondo degli italiani all’ estero” Vatolla (SA) - Palazzo de Vargas 28 luglio 2017

Convegno

“ Il turismo di ritorno osservato attraverso il mondo

degli italiani all’ estero”

Vatolla (SA) – Palazzo de Vargas 28 luglio 2017

 

Ore 19.00  Saluti di benvenuto

                    Vincenzo Pepe      Presidente Fondazione Giambattista Vico

                    Salvo Iavarone –  Presidente Asmef

                   Vincenzo Paolillo – Sindaco Comune di Perdifumo

                  Claudio Aprea – Direttore Fondazione Giambattista  Vico

 

 

Ore 19.20 Tavola rotonda sul tema oggetto del meeting

Modera : Adriana Apicella- Responsabile missioni estere per Asmef

Partecipano:

  • Rosa D’ Amelio     –  Presidente Consiglio Regionale

  • Corrado Matera  –   Assessore al Turismo Regione Campania

  • Laura Garavini – Deputato eletto all’ estero

  • Franco Alfieri  –  Consigliere Regionale

  • Guido Milanese – Già parlamentare

  • Luigi Compagna – Senatore

  • Cono D’ Elia – Vicepresidente Parco del Cilento  Vallo Diano e Alburni

  • Maria Ricchiuti – Consigliere Regionale

  • Piero Corsini – Direttore Rai Italia

 

Ore 21.15 Premio Eccellenza Italiana

   Massimo Lucidi, consigliere di Asmef, presenta il Premio Eccellenza Italiana, del quale è ideatore ed organizzatore. La IV edizione è in programma a Washington in ottobre

 

Ore 21.35 Capitan Cooking

Nadia Pedicino, consigliere di Asmef, presenta la gara di cucina internazionale “Capitan Cooking “, di cui è direttrice, giunta alla III edizione. La gara si svolge su ricette provenienti da sondaggi presso gli italiani all’ estero. A seguire Gian Marco Carli, chef internazionale e presidente di giuria, ci offrirà un assaggio di pasta alla genovese, ricetta storica, preparata con la cipolla di Vatolla.

 

Ore 21.50

Chiusura lavori

  Info line : 339 8262588 – 0974 845549

                  adriana.apicella@gmail.com

                  fondazionegbvico@libero.it

La Fondazione Giambattista Vico vi da il benvenuto nel nostro nuovo sito...

2La Fondazione Giambattista Vico si propone come centro attivo di iniziative, punto di incontro di persone e istituzioni accomunate dall’intento di restituire la figura del filosofo Vico all’universo contemporaneo, all’Europa, all’Italia e alla sua città.  La Fondazione nasce nel 1999 per volontà di Elena Croce e grazie all’appassionato impegno di Vincenzo Pepe, Gerardo Marotta ed Alfonso Andria.
In questi anni ha lavorato con dedizione al recupero degli spazi del Castello De Vargas Machucca di Vatolla (SA) che oggi è sede di seminari, convegni, mostre. Si tratta proprio del castello nel quale, alla fine del ‘600, il giovane Vico elaborò il proprio pensiero filosofico.
Esso è diventato un modello di turismo culturale ed attualmente è la sede del Museo Vichiano;  Inoltre, è anche sede della Biblioteca del Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano che conta oltre ventimila volumi specialistici dedicati alla cultura ambientale, alla filosofia e alla storia sociale.

Nuovo Orario Sede Gal di Vatolla

IN VISTA DELLE NUOVE MISURE VIENE POTENZIATO

IL SERVIZIO INFORMATIVO DELLA SEDE PERIFERICA DEL GAL CILENTO REGENERATIO

 SEDE DI VATOLLA (SA) – PALAZZO DE VARGAS

 

NUOVO ORARIO DI APERTURA

                                                                      LUNEDI’            11.30 -13.00

                                                                       VENERDI’         11.30 -13.00     

 

TEL./FAX 0974-845549

mail: fondazionegbvico@libero.it

Graduatoria Servizio Civile Nazionale PROGETTO “Tra mari e monti”

Clicca per accedere alla graduatoria

banner

3a Festa della Cipolla di Vatolla

cipolla di vatolla

ULTIME NOTIZIE

Sostieni la Fondazione Vico

Da oltre dieci anni la Fondazione Giambattista Vico ha avviato una serie di iniziative per il recupero di beni culturali di rilevante interesse nazionale ed internazionale. Dal restauro del Castello Vichiano di Vatolla (SA), ove il giovane Giambattista Vico trascorse 9 anni, al recupero di una parte del Complesso Monumentale del Convento di Sant’Antonio in Capaccio-Paestum (SA), nella quale abbiamo allestito il Museo “Paestum nei Percorsi del Grand Tour”. Abbiamo, inoltre, realizzato la grande Biblioteca del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con oltre 20.000 volumi , iniziata la ricostruzione di un antico Mulino ad acqua a Vatolla dove verrà creato un Ecomuseo e avviato il restauro di due Chiese nel centro storico di Napoli: San Gennaro all’Olmo e San Biagio Maggiore che ospiteranno un Museo Vichiano. Abbiamo bisogno del Tuo aiuto per continuare il Nostro lavoro e dare concretezza ad un altro sogno: promuovere il grande movimento ecologista europeo “Fare Ambiente”.

Oggi puoi dare forza ai nostri progetti, diventare nostro sostenitore senza spendere un solo euro, destinando alla Fondazione Giambattista Vico la quota del 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche per il periodo d’imposta 2012. Basta mettere una crocetta, firmare sul riquadro

Titolo