14 Novembre 2018

Soggiorno vichiano a Vatolla (SA)

Dall’Autobiografia di Giambattista Vico

"Andava egli frattanto a perdere la dilicata complessione in mal d´eticìa, ed eran a lui in troppe angustie ridotte le famigliari fortune, ed aveva un ardente desiderio di ozio per seguitare i suoi studi, e l´animo abborriva grandemente dallo strepito del fòro, quando portò la buona occasione che, dentro una libreria, monsignor Geronimo Rocca vescovo d´Ischia, giureconsulto chiarissimo, come le sue opere il dimostrano, ebbe con essolui un ragionamento d´intorno al buon metodo d´insegnare la giurisprudenza. Di che il monsignore restò così soddisfatto che il tentò a volerla andare ad insegnare a´ suoi nipoti in un castello del Cilento di bellissimo sito e di perfettissima aria, il quale era in signoria di un suo fratello, signor don Domenico Rocca (che poi sperimentò gentilissimo suo mecenate e che si dilettava parimente della stessa maniera di poesia), perché l´arebbe dello in tutto pari a´ suoi figliuoli trattato (come poi in effetti il trattò), ed ivi dalla buon´aria del paese sarebbe restituito in salute ed arebbe tutto l´agio di studiare.

Così egli avvenne, perché quivi avendo dimorato ben nove anni, fece il maggior corso degli studi suoi, profondando in quello delle leggi e dei canoni, al quale il portava la sua obbligazione".

Il filosofo continua poi descrivendo le sue letture e i suoi studi di diritto, filosofia, poesia, metafisica, il tutto da autodidatta e approfittando di "una libreria de´ padri minori osservanti di quel castello". Si tratta della biblioteca del convento di S. Maria della Pietà, poi passata alla famiglia Ventimiglia (vd. Volpe 1988). Più avanti, accenna a studi fatti "verso la fine della sua solitudine, che ben nove anni durò". Infine, "con questa dottrina e con questa erudizione il Vico si ricevé in Napoli come forestiero nella sua patria". Qui, constatando la decadenza della filosofia e delle lettere, non rimpiange il trascorso isolamento:

"Talché, per tutte queste cose, il Vico benedisse non aver lui avuto maestro nelle cui parole avesse egli giurato, e ringraziò quelle selve, fralle quali, dal suo buon genio guidato, aveva fatto il maggior corso dei suoi studi senza niun affetto di setta, e non nella città, nella quale, come moda di vesti, si cangiava ogni due o tre anni gusto di lettere. [...] Per queste ragioni il Vico non solo viveva da straniero nella sua patria, ma anche sconosciuto".

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata